GRADARA: Angolo di medioevo incontaminato, di cui si può ammirare risalendo dalla costa tutta la sua bellezza, dalla cerchia di mura costituita da torrioni e torrioncini quadrati, fino alla famosa Rocca.
     
URBINO: Città universitaria legata alla famiglia dei Montefeltro che nel Medioevo la rese Capitale dell'arte in grado di competere grazie ai suoi monumenti e ai suoi capolavori come il Palazzo Ducale, con le più famose Venezia, Firenze e Roma.
SAN LEO: Rinomata meta turistica, per i suoi notevoli valori ambientali e monumentali e molto suggestiva grazie al Forte che domina il borgo, costituito sopra un enorme masso calcareo che conserva il carattere di luogo inaccessibile.
     
S. ELPIDIO A MARE: Sono numerosi i monumenti e le opere d'arte da visitare, attraverso i quali si rivivono i momenti della sua storia ricca di eventi clamorosi ed avvincenti che la vedono protagonista soprattutto nel medioevo; tutto questo è ancora più affascinante grazie alla rievocazione storica della "Contesa del Secchio", che si svolge la 2° domenica di Agosto ed a "Città Medioevo", nell'ultimo giovedì, venerdì e sabato di luglio.
     
FERMO: Per ogni epoca, questa città ha delle testimonianze da esibire, si va dalla sommità del colle dove si può visitare il Duomo immerso nel verde, a Piazza del Popolo, oppure alle Cisterne Romane o alle numerose chiese. Da non perdere il 15 di Agosto "La Cavalcata dell'Assunta" rievocazione cavalleresca con fastoso corteo in costume.
     



 
ASCOLI PICENO: La città capoluogo, compatta nel tessuto medievale, ha molti motivi di interesse: non solo l'indiscutibile bellezza della sua più celebre piazza, ma scorci medievali, nobili architetture e capolavori d'arte nei ricchi musei. Ogni anno in onore del patrono S. Emidio si celebra "La Quintana", tipica giostra rinascimentale che oppone il cavaliere alla sagoma del Saracino.
     
ANCONA: Capoluogo delle Marche, subì il dominio di diversi invasori, per la sua posizione strategica dovuta al porto, ed è proprio grazie ad essi che la città è ricca di bellezze storico-artistiche . Tra i tanti monumenti sicuramente il più affascinante è il duomo di San Ciriaco simbolo della città.
     
LORETO: Luogo di culto che risale al 1294. La tradizione tramanda che sarebbe arrivata qui dalla Palestina, dopo una breve sosta in terra istriana, la casa di Nazareth dove Gesù visse dopo il suo ritorno dall'Egitto. E' proprio intorno ad essa che fu costruita da architetti famosi la basilica-fortezza, oggi visitata da in enorme afflusso di fedeli e pellegrini.
     
RECANATI: Conosciuta in tutto il mondo grazie a Giacomo Leopardi, di cui è possibile visitarne il Palazzo, ma anche città natale del famoso cantante lirico Beniamino Gigli, al quale la città ha dedicato un museo e sede della Pinacoteca Civica che raccoglie numerose opere li Lorenzo Lotto.
     
MACERATA: Il suo nucleo storico è racchiuso dalle mura ancora intatte, all'interno delle quali si ergono nobili palazzi, antiche vie e il neoclassico Sferisterio, costruito per il gioco e divenuto uno dei più amati templi della lirica italiana.
     

TOLENTINO: Situato in posizione strategica nella valle del Chienti, il luogo fu abitato da tempi remoti e già a metà del XIII secolo era fiorente l'attività manifatturiera che sfruttava l'acqua del Chienti per mulini, concerie, fornaci, tintorie e tessiture. Diversi sono i motivi d'interesse nel nucleo storico della cittadina tra cui la Basilica di San Nicola una dei Santuari più importanti d'Italia.
     
CALDAROLA: Molto graziosa la visita di questo borgo, patria dei pittori De Magistris, per il suo Castello "Pallotta" menzionato nell'875 poi molto rimaneggiato. Nel '500 l'edificio fu trasformato da militare ad elegante dimora estiva, le cui sale vennero fatte affrescare dai De Magistris.